VADOPIANO
La montagna per chi va piano
Percorsi

La sezione percorsi ha escursioni di difficolta' diverse, sia in alta che bassa quota.

>>> Entra
Schede

La sezione schede descrive dei luoghi per noi molto belli ed interessanti.

>>> Entra
Sezioni

- Fiori
- Cartoline
- Curiosita'
- Scrivici
- Links

Cerca





HOME / Percorsi / SassDePutia

L'anello del Sass De Putia

Note Scheda tecnica

Questo percorso e' per gran parte Facile ma lo consideriamo di difficolta' Media in quanto il passaggio per la cengia, pur non presentando passaggi tecnici, e' a tratti esposto.

Percorso: Passo delle Erbe (m.2007), Alpe Fornella, Forcella de Putia (m.2357), Malga Vaciara, Forcella Goma, Utia de Goma, Alpe Fornella, Passo delle Erbe.
Partenza: Passo delle Erbe
Dislivello massimo:400 m
Grado di difficoltá:media.
Tempo di percorrenza Vadopiano: 6 ore.
Stagione piú favorevole:Giugno a Settembre.

Racconto

Partiamo in una bella giornata di fine Agosto dall'affollato parcheggio del Passo delle Erbe.

Il primo tratto e' una facile e frequentata passeggiata di pochi minuti fino alla Magla Alpe Fornella. Si prosegue a destra per il segnavia n.8a, ancora su facile sterrato fino ad un ruscello.

Da qui comincia il sentiero vero e proprio: una bella cengia sicura, ma a tratti ben esposta (guai a chi soffre di vertigini).

Con qualche leggero saliscendi si costeggia tutto il fianco ovest e si giunge alla base dell'unica vera salita della giornata. Da destra perviene il sentiero n.4 che si sovrappone in questo tratto all'Alta Via n.2 e all'Alta Via GM intitolata a Gunther Messner.

Sopra di noi si apre un bel canalone ed in alto, lassu', la Forcella de Putia che ci aspetta.

Fa caldo, ma nonostante il sole sia gia' abbastanza alto l'aria che scende dalla forcella ci rinfresca ed agevola la salita.

Con varie soste progrediamo alternandoci con altri camminatori, come in una staffetta: "prego prima Lei", "ma no si figuri, vada pure Lei" ...etc.

L'unico a non mostrare segni di stanchezza e' un escursionista a 4 zampe che se ne vaga beato nel canalone alla ricerca di qualche rivolo d'acqua per rinfrescarsi.

Finalmente arriviamo al valico a 2357 m.: il panorama che si apre ai nostri occhi e' fantastico; solo alcune cime in lontananza si celano dietro le nuvole (forse stanche di essere sempre sotto l'occhio dei turisti).

Dopo una meritata pausa riprendiamo il cammino: ormai ci attende solo una piacevole camminata, lunga certo, ma senza altre difficolta'.

Da qui si potrebbe giungere facilmente al Rifugio Genova, ma per oggi ci accontentiamo.

Una stradina scende ripidamente lungo i bei prati riportandoci a 2000/2100 m. ca. che sara' la quota su cui resteremo per il resto del percorso.

Si attraversa, in direzione est, un bellissimo pianoro costellato di caratteristici capanni di legno, punti di appoggio per i locali coltivatori che mantengono viva la montagna anche a queste quote.

Nei pressi della Malga Vaciara (m.2113) lasciamo la stradina e prendiamo il bel sentierino a sx (segnavia n.35) che con una leggera salita, sempre attraverso prati, ci porta a Goma, la seconda forcella della giornata, il nostro "giro di boa".

Ora il panorama e' galattico. Da una parte l'alta Val Badia e tutte le Dolomiti, dall'altra le possenti Alpi austriache costellate di ghiacciai.

Si scende rapidamente per il sentiero (segnavia n.8b) attraverso mughi e qualche sparuto albero. Si attraversa un breve ghiaione e ci si immette in un bellissimo boschetto, sovrastato da ripide pareti e dai ghiaioni sottostanti.

Si esce quindi su una radura in prossimita della malga Utia de Goma.

Orami siamo in pieno pomeriggio, ma il tempo rimane stabile, ha deciso di non rovinarci la giornata: grazie!

Dopo un breve tratto, superata la malga, si rientra in una zona leggermente boscosa con alcuni saliscendi. Qui il terreno e' invaso da massicci blocchi di pietra grandi come case, franati in tempi remoti ed ormai parte integrante del paesaggio.

Alla fine si arriva a Malga Alpe Fornella completando l'anello.

Gli ultimi sguardi all'imponente massiccio di roccia del Sass de Putia che ci sovrasta, poi ci riportiamo verso il Passo delle Erbe.

Accesso: Dalla Val d'Isarco: da Bressanone : S.Andrea - Val d'Eores - Passo delle Erbe da Chiusa: Val di Funes - S.Pietro - Passo delle Erbe Dalla Val Badia - da San Martino in Badia: Antermoia - Passo delle Erbe









Le Odle di Eores
(Clicca sulla foto)



Sulla cengia
(Clicca sulla foto)



Salendo alla Forcella
(Clicca sulla foto)



Dai che manca poco
(Clicca sulla foto)



Finita la fatica
(Clicca sulla foto)



Le malghette
(Clicca sulla foto)



Contemplazione
(Clicca sulla foto)



Capitello
(Clicca sulla foto)



Vista da Goma verso Sud
(Clicca sulla foto)



verso Nord
(Clicca sulla foto)



Il Sass
(Clicca sulla foto)




HOME |  Percorsi |  Schede |  Fiori |  News |  Cartoline |  Curiosita' |  Links
© Il materiale di questo sito è di proprietà dello staff di Vadopiano, tranne ove diversamente segnalato