VADOPIANO
La montagna per chi va piano
Percorsi

La sezione percorsi ha escursioni di difficolta' diverse, sia in alta che bassa quota.

>>> Entra
Schede

La sezione schede descrive dei luoghi per noi molto belli ed interessanti.

>>> Entra
Sezioni

- Fiori
- Cartoline
- Curiosita'
- Scrivici
- Links

Cerca





HOME / Percorsi / InvernaleRifLancia

Salita invernale al rif. Lancia

Note Scheda tecnica

Il percorso è prima su strada, ricoperta di un buon strato di ghiaccio e neve, poi su mulattiera, senza troppa fatica; la pendenza è costante e, una volta preso il passo giusto non ci sono problemi. Il rifugio Lancia è aperto e ci possiamo riscaldare davanti alla stufa e mangiarci un bel piatto caldo; i gestori sono simpatici.

Partenza:Giazzera
Dislivello massimo:800 m
Grado di difficoltá:Difficoltá media.
Tempo medio di percorrenza: 4 ore.
Stagione piú favorevole:Da gennaio a marzo.
Racconto

Questo è il semplice racconto di una gita invernale di quattro "macachi" di pianura che si divertono a far finta di essere alpinisti per rifarsi di grigie giornate passate in ufficio. Partiti alle 7.00 circa, in un paio d'ore via Verona-Rovereto siamo arrivati a Giazzera minuscolo paesino (4-5 case) della Vallarsa. Scopriamo subito perché questo posto si chiama così: un lastra di ghiaccio ricopre la strada. Lasciamo lì la macchina dopo aver chiesto permesso alla signora già affacciata finestra a controllare i "foresti". Ci aspetta una lunga camminata fino al Rifugio Lancia all'Alpe di Pozza passando per malga Cheserle.

Il percorso è prima su strada, ricoperta di un buon strato di ghiaccio e neve; poi su mulattiera con neve pressata dal passaggio della motoslitta del gestore del rifugio e da chi ci ha preceduto: vediamo tracce di sciescursionisti, scialpinisti e camminatori come noi, racchettati e non. Evitiamo di sfoggiare le nostre belle racchette di legno, quanto mai inutili con queste condizioni di terreno.

Saliamo agevolmente fino a malga Cheserle quando lo strato di neve più fresca si fa più spesso ed il passo comincia a farsi un po' più pesante; in ogni caso procediamo senza troppa fatica; la pendenza è costante e, una volta preso il passo giusto non ci sono problemi, a parte uno di noi un po' fuori forma; ma tanto non abbiamo fretta e ci si aspetta tranquillamente facendoci i soliti scherzi stupidi: vi siete mai trovati sotto un albero carico di neve nel momento sbagliato? Come si dice "ognuno ha gli amici che si merita"!

La giornata è fredda ma il sole, quando non è velato da qualche rada nuvola, ci riscalda, soprattutto lo spirito: l'abiente invernale è sempre affascinante, candido e pacifico, ma la presenza di un raggio di sole fa un altro effetto. Un ultimo tratto decisamente più ripido e arriviamo finalmente al rifugio: l'Alpe Pozza è bellissima, bianca e solitaria; sopra di noi si alza il Col Santo, appena più in la il Col Santino; di fronte il Roite che sembra fare da cartello stradale indicando il più lontano Pasubio con i "denti".

Si sta proprio bene. Il rifugio Lancia è aperto e ci possiamo riscaldare davanti alla stufa e mangiarci un bel piatto caldo: polenta di patate e fegatini con formaggi vari (pesante ma buono). I gestori sono simpatici, la signora è un po' strana ma è sempre sorridente e ci sopporta anche se facciamo un po di battute idiote. La sosta è più lunga del previsto: chi ce lo fa fare di tornare fuori al freddo? Con grande sforzo ci rimettiamo in marcia; la discesa è altrettanto divertente: si tagliano i tornanti nella neve fresca e riprende il tiro al bersaglio. Che spasso!

Siamo fatti così, ci piace stare in mezzo alla natura, fare sano esercizio fisico, ma anche divertirci come bambinoni, e quando non ci sono i pericoli oggettivi dell'ambiente montano, diamo sfogo ai nostri istinti infantili. Altro che piste da sci. A dire la verità qui l'affollamento è vergognoso; penso che abbiamo incontrato almeno una decina di persone....... esagera! Un paio di cagnoloni, che seguono i relativi umani, ci fanno un po' di festa annusandoci incuriositi; anche loro si divertono da pazzi liberi in questo ambiente. Alte nubi riempiono il cielo e il sole ormai sta calando; uno squarcio all'orizzonte gli permette un ultimo sprazzo rosso fuoco. La giornata è finita, siamo tutti felici e scacciamo il malinconico ritorno alla realtà quotidiana pensando già alla prossima avventura.






Eremo di San Colombano
(Clicca sulla foto)



Strada innevata
(Clicca sulla foto)



Attenzione caduta neve!
(Clicca sulla foto)



Arrivo al Rifugio Lancia
(Clicca sulla foto)




HOME |  Percorsi |  Schede |  Fiori |  News |  Cartoline |  Curiosita' |  Links
© Il materiale di questo sito è di proprietà dello staff di Vadopiano, tranne ove diversamente segnalato