VADOPIANO
La montagna per chi va piano
Percorsi

La sezione percorsi ha escursioni di difficolta' diverse, sia in alta che bassa quota.

>>> Entra
Schede

La sezione schede descrive dei luoghi per noi molto belli ed interessanti.

>>> Entra
Sezioni

- Fiori
- Cartoline
- Curiosita'
- Scrivici
- Links

Cerca





HOME / Percorsi / Cauriol

Salita al Cauriol

Note Scheda tecnica
Il nostro percorso e' un'andata e ritorno lungo per il sentiero n.320 fino al monte Cauriol (m. 2494) su una delle piu' famose cime dei Lagorai ove si sono svolte feroci battaglie durante la Grande Guerra e che hanno mietuto innumerevoli vittime da ambo le parti.

Percorso: Rif.Refavaie - Passo Sadole - Via Italiana - Cauriol - Via Austriaca - Passo Sadole - Rif.Refavaie
Partenza: Rif.Refavaie m.1116
Dislivello massimo: 1400 m
Grado di difficoltá: media.
Tempo medio di percorrenza: 7-8 ore.
Stagione piú favorevole: Da Giugno a Settembre.

Racconto

Arriviamo al parcheggio del Rifugio Refavaie (m.1116) e lo troviamo affollato, nonostante queste zone non attraggano il grande pubblico.
Siamo pronti per una lunga giornata di cammino. Il sentiero entra deciso nel bosco e per un'oretta si sale agevolmente; nonostante i vari cambi di pendenza si ingrana subito il passo giusto.

Il cielo inizialmente e' un po' velato ma ben presto le nubi si diraderanno per una di qulle giornate limpide e soleggiate che si ricordano per molto tempo.

Oggi siamo un piccolo gruppetto e si passa la prima oretta in chiacchere varie: i "tosi" si impegnano in "serie" argomentazioni alpinistiche mentre le "tose" si dedicano all'impegnativa "ora della critica" (meglio non scendere in particolari).

Usciamo dal bosco sulla forestale a quota m.1500 ca e giriamo a sx in direzione di Malga Laghetto (che pero' rimane leggermente sopra la strada).
Di fianco a noi si erge maestoso il massiccio granitico di Cima d'Asta che mostra, incurante del sole e del caldo, i suoi nevai del versante Nord.

Questo lungo pezzo di sterrato permette di sgranchirsi le gambe prima di affrontare la lunga salita fino al Passo Sadole.
Infatti dopo poco (m.1639) il sentiero ritorna nel bosco e si alza velocemente di quota.
Usciamo in una zona di macchia a m.1784 in localita' Rivon e dopo un altro strappetto ci si trova in una bella valletta verde (m.1901). Il passo e' appena sopra di noi ma, con il sole che picchia ed il caldo che incomincia a farsi sentire, sembra non arrivare mai.

Finalmente raggiungiamo l'ampia sella (m.2066) ove si scorgono notevoli resti della Grande Guerra. Il "capogita" (odia che lo chiami cosi') ci illumina sulle dure battaglie che hanno segnato questi luoghi.
Dopo un breve spuntino qualcuno (uno con la barba) sarebbe gia' stufo; pero' siamo appena ad un terzo della salita.

Ci attende ancora il pezzo piu' bello.
Dal passo si segue un sentierino denominato Via Italiana che, dopo un breve tratto in costa e superata una piccola conca erbosa, sale rapidamente fino ad una Forcella a m.2440.
Si tratta di una stretta selletta che divide il Cauriol dal Cauriol Piccolo. Gia' da qui il panorama ci offre ampie vedute sulla val di Fassa e le sue splendide cime.

Ora il sentiero sale tra le rocce che ancora oggi mostrano i pesanti segni della Guerra. Facendo attenzione a non scivolare nel terreno, praticamente sgretolato, e passando agevolmente alcune roccette si giunge alla meritata vetta (m. 2494).

Il panorama e' da mozzafiato. Completa e' la visione dei gruppi dolomitici (dal Latemar al Catinaccio, dal Sassolungo al Sella, dalla Marmolada alle Pale di San Martino) e su tutta la catena dei Lagorai che si snoda prima e dopo la nostra cima, oltre naturalmente a Cima d'Asta che rimane li', cosi' vicina, come a controllare ogni nostra singola mossa.

Finalmente si mangia, e dopo tutta la fatica ci godiamo la vetta tirando in lungo con altre "serie" chiacchere e con le consuete foto di gruppo.

E' tempo di tornare sui nostri passi ed in breve siamo di nuovo alla forcella. Scendiamo dal versante opposto lungo la Via Austriaca.
Questo versante e' praticamente un'enorme pietraia lungo la quale si snoda il sentiero che a tratti passa sopra ad alcuni grossi massi.

Si scende di molto fino al bivio a quota m.2046 presso un vecchio Pozzo Austriaco. Si nota anche un bel trinceramento in mezzo alle rocce che sale ad un piccolo osservatorio. Da qui una tabella indica il sentiero che sale al Cardinal (m.2481), un'altra impegnativa cima dei Lagorai.

Noi invece ci imettiamo nella dolce mulattiera che, aggirando il Piccolo Cauriol in leggera salita lungo il Pian del Maseron, ci riporta al Passo Sadole.

Siamo tutti stanchi e "qualcuna" vorrebbe farsi portare in braccio, zaino compreso.

Abbiamo fatto un bel giro, la giornata volge al termine e siamo tutti molto soddisfatti. Peccato che dobbiamo fare ancora 900 m. di discesa prima di poterci togliere gli scarponi.

Alla fine una bella birra gelida sara' la meritata ricompensa.

Accesso: SS.47 della Valsugana. A Primolano si prende la galleria e si seguono le indicazione per la Valle del Primiero. Ad Imer si imbocca la galleria per la Valle del Vanoi. Superato Canal San Bovo si sale verso Caoria e si prosegue per il Rifugio Refavaie (parcheggio).









Cippo di vetta
(Clicca sulla foto)



Foto ricordo in vetta
(Clicca sulla foto)



Veduta su Cima dAsta
(Clicca sulla foto)



Salendo alla forcella
(Clicca sulla foto)




HOME |  Percorsi |  Schede |  Fiori |  News |  Cartoline |  Curiosita' |  Links
© Il materiale di questo sito è di proprietà dello staff di Vadopiano, tranne ove diversamente segnalato