VADOPIANO
La montagna per chi va piano
Percorsi

La sezione percorsi ha escursioni di difficolta' diverse, sia in alta che bassa quota.

>>> Entra
Schede

La sezione schede descrive dei luoghi per noi molto belli ed interessanti.

>>> Entra
Sezioni

- Fiori
- Cartoline
- Curiosita'
- Scrivici
- Links

Cerca





HOME / Percorsi / MalgaLessinia

Escursione a Malga Lessinia

Note Scheda tecnica
Bella escursione invernale tra i colli della Lessinia. Si puo' fare anche d'estate, ma in questo caso il percorso e' su strada asfaltata. Partenza: Erbezzo, localita' Bernardi
Dislivello massimo: 500 m
Grado di difficoltá: Facile se la neve non e' troppo alta
Tempo medio di percorrenza: 6 ore (con calma).
Stagione piú favorevole: Inverno
Racconto

Quattro amici e un cane by Tiz&Bett

Ritrovo ore 7.30 presso gelateria Good Time: chi dentro con una tazza di tè caldo, chi fuori perché arrivato in ritardo.

Prendiamo l’autostrada A4 e usciamo a Verona est; si seguono le indicazioni Valpantena e si arriva in un’ora e mezza circa a Erbezzo, piacevole paese della Lessinia a 1100 metri di altitudine. Abbiamo parcheggiato l’auto nei pressi di un caseificio e abbiamo iniziato a prepararci per la passeggiata.

Durante i preparativi ci e venuta incontro tutta festosa la nostra guida a quattro zampe. Dopo una breve presentazione ( a dir la verità non abbiamo capito bene il suo nome) ci siamo incamminati sotto l’occhio vigile del nuovo compagno di avventure.

Abbiamo preso la via in salita che passa per il caseificio “i Bernardi” (1161m) dove la dorsale alta della Lessinia n° 250 si stacca a sinistra. A questo punto abbiamo continuato sempre in direzione nord per collegarci alla strada che porta a Castelberto.

Poco dopo l’innesto termina l’asfalto e dove la strada gira a destra, abbiamo preso la mulattiera che sale a Le Pontare. Però, viste le condizioni della neve, decisamente troppo alta, e su consiglio della nostra guida, siamo tornati indietro e anzichè fare il sentiero, abbiamo proseguito per la strada fino alla Bocchetta della Vallina (1468m) dove una targa ricorda il lavoro e il tempo occorso al genio militare per eseguire la strada nel 1917.

Ormai la vegetazione è sempre più rada e proseguendo sulla strada che diventa d’ inverno una pista da sci di fondo, siamo arrivati al bivio del Pidocchio ( 1568m).

Abbiamo poi proseguito per altri 10 minuti e siamo arrivati alla malga Lessinia (1617m) dove, se si è fortunati, si trova un pasto caldo. Noi ci siamo dovuti accontentare di un fugace panino e di qualche biscotto. Nel frattempo la guida ci ha salutati ed è tornata giù in paese per gustarsi il suo pranzo, sicuramente migliore del nostro.

Dopo un po’ di relax, ci siamo incamminati anche noi per la via del ritorno; verso le 16 siamo arrivati all’auto, dove c’era la guida che ci aspettava per accertarsi che fosse andato tutto bene. L’abbiamo salutata e siamo ripartiti dopo esserci promessi di risentirci via email.

Accesso: Autostrada fino a Verona Est - Verso Bosco Chiesanuova e poi indicazioni per Erbezzo









La nostra guida a quattro zampe.
(Clicca sulla foto)



Un altro amico incontrato lungo la via.
(Clicca sulla foto)



Salutiamo prima di riprendere il cammino.
(Clicca sulla foto)



La targa ricordo.
(Clicca sulla foto)



La nostra guida osserva gli sciatori.
(Clicca sulla foto)



Malga Lessinia, la nostra meta.
(Clicca sulla foto)



Un tratto del percorso.
(Clicca sulla foto)




HOME |  Percorsi |  Schede |  Fiori |  News |  Cartoline |  Curiosita' |  Links
© Il materiale di questo sito è di proprietà dello staff di Vadopiano, tranne ove diversamente segnalato