VADOPIANO
La montagna per chi va piano
Percorsi

La sezione percorsi ha escursioni di difficolta' diverse, sia in alta che bassa quota.

>>> Entra
Schede

La sezione schede descrive dei luoghi per noi molto belli ed interessanti.

>>> Entra
Sezioni

- Fiori
- Cartoline
- Curiosita'
- Scrivici
- Links

Cerca





HOME / Percorsi / LagoErdemolo

Lago Erdemolo

Note Scheda tecnica

Percorso: Frotten (m.1480) - Bivio 343b - Bivio 324 - Rifugio Lago Erdemolo (m.2006) - Maso Erdemolo - Frotten
Partenza: Palu' del Fersina - Loc.Frotten
Dislivello massimo: 526 m (+ alcuni saliscendi)
Grado di difficoltá: facile.
Tempo medio di percorrenza: 4/5 ore
Stagione piú favorevole: Da Giugno a Settembre.

Racconto

Racconto:

Si parte in una bellissima giornata di sole, con un cielo completamente azzurro. Grazie all'insolita puntualita' dei partecipanti arriviamo in Val dei Mocheni abbastanza presto. Riusciamo quindi a lasciare la macchina in uno dei piccoli parcheggi "gratis" in localita' Frotten (cosi' si risparmiano 3 "euri").

Prevedendo una bella scottatura ci cospargiamo abbondantemente di "cremine" varie, cosa che nel proseguo della giornata avra' degli effetti collaterali indesiderati. Appena partiti abbiamo subito un gradito incontro con una anziana valligiana che ci allieta con gustose pillole di saggezza montanara.

Proseguiamo tranquillamente per la forestale, ignorando le scorciatoie del sentiero, per fare un po' di riscaldamento.

In corrispondenza di una piccola casa vacanza si sale per la ripida rampa lastricata e poi ignorando le indicazioni per il Rif.Erdemolo (segnavia 325) prendiamo a sx per il 343b. Dopo un breve tratto si rispunta sulla forestale (evidentemente risistemata da poco) per poi riprendere il sentiero piu' avanti sulla dx. (NB: attenzione non ci sono frecce, il segnavia e' nascosto fra gli alberi, cmq la traccia e' ben visibile.)

Si attraversa un bel prato costeggiando alcuni ruderi. Da qui si cominciano ad avere interessanti scorci sulla sottostante Valle e in lontananza una bella visione delle Dolomiti di Brenta.

Il cielo, contro le nostre previsioni, si e' gia' rannuvolato. Pero' questo non ci dispiace: l'aria resta fresca e si procede agevolmente. Le nostre precauzioni "solari" si rivelano quindi inutili ma in compenso sembrano stimolare l'appetito di nugoli di mosche che ci perseguitano ad oltranza. Per fortuna sembrano gradire piu' di altre una particolare marca di olio solare, condannando il malcapitato che l'ha usata ad una battaglia continua a colpi di berretto.

La giornata e' comunque piacevole e vogliamo godercela con calma; ogni scusa e' buona per una pausa: una foto, una sosta merenda, un "Varda in che posti che ti porto", etc.etc., tutto in perfetto stile "Vadopiano".

Giunti a quota 1850 in loc.INTERTOL ci si immette nel sentiero 324 proveninete dal Rif.Sette Selle. Si gira a dx e si procede con continui saliscendi.

Si ha sempre una bella visuale sulla valle e sul sentiero 325 che sara' la nostra via di ritorno. Il bello di questo posto e' il silenzio. La valle e' fatta ad uncino per cui qui in fondo i rumori non arrivano.

Si supera anche un torrentello con un facile guado. Appena sopra esso c'e' una piccola ma graziosa cascatella con pozza.

Ora i saliscendi si fanno piu' accentuati con tratti leggermente strapiombanti, per cui e' il caso di fare attenzione a che si avventura con bambini o per chi soffre di vertigini.

Superati un paio di speroni rocciosi eccoci finalmente giunti alla nostra meta. Il lago si apre sotto di noi in una tranquilla conca.

Possiamo rifocillarci; qualcuno tenta di schiacciare un pisolino al riparo dalle mosche (ma l'impresa e' ardua). Meglio sgranchirsi le gambe passeggiando intorno al laghetto.

Dopo una soddisfacente pausa e' ora di tornare, salutiamo i gentili gestori del rifugio e ci incamminiamo. La discesa e' troppo repentina quindi facciamo apposta a scendere molto lentamente per goderci gli ultimi momenti di questa bella giornata.

Incontriamo anche un vipera un po' sonnolente che cerca di togliersi lentamente dal sentiero.

Giunti al Maso Erdemolo non vogliamo rendere vano il lavoro di quei volonterosi che hanno faticato per mettere due belle panchine proprio di fianco al sentiero. Da qui ci si gode la vista sulla cascata sopra la Vecchia Miniera.

Appena sotto il maso si attraversa il ponticello che ci riporta sulla forestale e quindi al parcheggio.

Accesso: Da Pergine Valsugana - Valle dei Mocheni - Palu' del Fersina - Loc.Frotten.







Prato fiorito
(Clicca sulla foto)



Ruderi
(Clicca sulla foto)



Bivio
(Clicca sulla foto)



Sorridere prego ...
(Clicca sulla foto)



Guado
(Clicca sulla foto)



Sotto F.lla Cavè
(Clicca sulla foto)



Su e giù
(Clicca sulla foto)



Ecco il lago!
(Clicca sulla foto)



Guarda che posti!!
(Clicca sulla foto)



Cascata sulla miniera
(Clicca sulla foto)



Ultima sosta
(Clicca sulla foto)




HOME |  Percorsi |  Schede |  Fiori |  News |  Cartoline |  Curiosita' |  Links
© Il materiale di questo sito è di proprietà dello staff di Vadopiano, tranne ove diversamente segnalato